Zona L. Il cortile con nicchia cottura

Questa area, situata proprio al margine della collina, è un buon esempio di insieme di edifici con diverse probabili funzioni: abitazione, magazzino e forse stalla per il bestiame.

 

Nel cortile una nicchia scavata nella roccia era utilizzata per la cottura. Nella preparazione del cibo si usava un fornello su cui veniva posta un’olla. Uno dei fornelli è stato ritrovato in situ, nella nicchia; un altro, a forma di barile, in un deposito.

Sono stati ritrovati anche frammenti di grandi contenitori, pithoi, probabilmente usati per derrate alimentari. I recipienti di questo genere possono avere la notevole altezza di ca. 1 metro.

Oltre agli oggetti grandi e grezzi, questa zona ha restituito ceramica sottile, ad esempio bucchero (nero e grigio), una coppa ionica e ceramica etrusco-corinzia di noti pittori o botteghe.